Seleziona regione di mercato e lingua
  • Svezia
  • Regno Unito
  • Germania
  • Austria
  • Norvegia
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Francia
  • Belgio
  • Paesi Bassi
  • Canada
  • Stati Uniti
  • Australia
  • Italia
  • Spagna
  • background Layer 1
    Giappone
  • Corea del Sud
  • International
Number 1 slide-item
Number 2 slide-item
Number 3 slide-item
Number 4 slide-item
  1. First thumbnail
  2. Second thumbnail
  3. Second thumbnail
  4. Second thumbnail

Il bar più cool dei mondiali di sci

Effettivamente la Norvegia ha dominato i mondiali di sci tenuti in casa, e Petter Northug è stato nominato re dello sci, ma il re del bar è stato lo svedese Christer Blanken.

Servendosi di un escavatore JCB dotato di rotatore inclinabile, infatti, Blanken ha creato l'installazione più impressionante dei campionati: un bar con palcoscenico e passerella in neve e ghiaccio.

"È stato difficile, ma senza rotatore inclinabile lo sarebbe stato ancora di più", afferma Blanken.

I mondiali di sci, tenutisi in febbraio-marzo a Holmenkollen, in Norvegia, si sono trasformati in una vera festa per tutti. Più soddisfatti di tutti sono stati i Norvegesi, che hanno potuto celebrare la conquista di ben 16 medaglie con un grande evento nella montagna di neve e ghiaccio creata all'interno dello stadio dello sci.

"La realizzazione ha richiesto 5 settimane di lavoro ininterrotto di 4–5 addetti", sostiene Blanken fornendo altri impressionanti dati sull'installazione.

Quantità di neve: 2.100 metri cubi.
Ghiaccio: 25 metri cubi.

Complessivamente, l'imponente montagna di ghiaccio ha raggiunto un'altezza di 12 metri e una lunghezza di 26 metri. Al suo interno erano ospitati bar, passerella e palcoscenico. Attraverso un tunnel si raggiungeva il parco del divertimento invernale, dove Blanken aveva creato un mammut di neve alto 2,5 metri e un pulpito di ghiaccio alto 2 metri.

"Senza rotatore inclinabile questo tipo di lavori sarebbe molto complesso. La posizione della macchina non pone più limiti alla costruzione ed è stato possibile collocare la figura, di forma speciale, esattamente nell'angolo desiderato", afferma Blanken.

Per puro caso

Christer Blanken, un allegro 36enne svedese di Delsbo, ha imboccato la strada delle costruzioni in ghiaccio per puro caso. Dopo aver lavorato come autista per 13 anni nella società di trasporti del padre, un autunno ha deciso di trasferirsi a Hafjell, presso Lillehammer, per fare la stagione come istruttore di sci. Alla fine è tornato per tre stagioni e là ha incontrato Thomas Orderud, titolare della Orderud Designice, specializzata in costruzioni in neve e ghiaccio.

"Stava costruendo un hotel di neve nel parco di divertimenti di Hunderfossen e aveva bisogno di aiuto", dichiara Blanken.

Nella primavera seguente gli è stato offerto lavoro come ”problem solver” al reparto tecnico, così la collaborazione con Thomas Orderud è proseguita.

"Ho aiutato Orderud a realizzare, tra l'altro, il drive-in per motoslitte a Kautokeino per due inverni, mentre per il festival internazionale del cinema di Tromsø abbiamo realizzato un cinema in neve e ghiaccio.

Non c'è dubbio che sia soddisfatto del proprio lavoro.

"È fantastico creare oggetti in neve e ghiaccio!".

"Senza rotatore inclinabile questo tipo di lavori sarebbe molto complesso."

Christer Blanken, Orderud Designice

404 - Impossibile trovare la pagina

Non abbiamo trovato la pagina che stavi cercando.

Si è verificato un errore

Prova a ricaricare la pagina per verificare se il problema si ripresenta.

Si è verificato un errore

Impossibile connettersi a Internet. Verifica che la connessione di rete funzioni correttamente.